iten

Subsurface visualization using Ground-Penetrating Radar for archaeological site preparation on the northern slope of Somma-Vesuvius: a roman site, Pollena Trocchia, Italy

512 download

Collocazione:
Il Quaternario Italian Journal of Quaternary Sciences, 22(1), 2009, 39-52
Autore/i:
J. H. MCBRIDE, R. W. KEACH, R. T. MACFARLANE, G. F. DE SIMONE, C. SCARPATI, D. J. JOHNSON, J. R. YAEDE, G. S. MACFARLANE & R. W. R. WEIGHT
Abstract:

The use of non-invasive geophysical techniques is becoming increasingly important in archaeological site studies as a means to increase the efficiency of excavation and to thereby avoid unnecessary disturbance. Ground-penetrating radar (GPR) surveys were performed over an orthogonal grid in order to guide the decision-making process for planning excavation at a Roman site in Pollena Trocchia (Italy), located just off the NW flank of Somma-Vesuvius. Archaeological planning for this site is complicated by contextual disruption and intermittent backfill, sometimes exacerbated by its proximity to building sites and by its use as a landfill, and by prior archaeological excavation and subsequent remediation. From a geophysical point of view, the site at Pollena Trocchia provided an ideal test-bed for visualization experiments (a) because the ground surface was readily cleared and smoothed by earth-moving machinery and (b) because the soil derived from geologically recent volcanic ash was dry at the time of the survey. State-of-the-art geophysical visualization techniques were applied to the pseudo-3D GPR data using conventional displays, seismic attribute analysis, and waveform connectivity schemes as employed in petroleum exploration. In this way, we assess the value of applying strategies adapted from industrial 3D seismic imaging to the problem of defining the effects of previous disturbance at a complex archaeological site.

L'uso di indagini geofisiche di tipo non-invasivo sta diventando sempre più rilevante nella ricerca archeologica, poiché incrementa l'efficienza dello scavo e riduce le attività non necessarie. L'indagine georadar (GPR) su griglia ortogonale è stata utilizzata per il sito romano nel comune di Pollena Trocchia (in provincia di Napoli, sul versante settentrionale del Somma-Vesuvio) per la pianificazione delle attività di scavo. L'area oggetto d'indagine risulta di complessa lettura, poiché disturbata da alcuni tagli e riempimenti relativi alla costruzione di edifici nelle vicinanze, alla scoperta del sito, ed al successivo accumulo di materiali. Dal punto di vista geofisico, il sito di Pollena Trocchia può essere considerato un caso-studio ideale per esperimenti di visualizzazione, in quanto: (a) la superficie risultava molto piana e ripulita dalla vegetazione spontanea con mezzo meccanico; (b) il suolo, di origine vulcanica, era particolarmente asciutto durante l'indagine. Le più recenti tecniche di visualizzazione geofisiche sono state applicate a dati pseudo-3D grazie all'uso di visualizzazioni convenzionali, analisi degli attributi sismici, e schemi delle onde di connettività simili a quelle utilizzate per le indagini petrolifere. In tale modo, è stato possibile valutare l'applicabilità di visualizzazioni sismiche 3D di tipo industriale per l'analisi di anomalie all'interno di un contesto archeologico.

Abstract (PDF)

SCImago Journal & Country Rank