iten

Segnalazione di nuovi depositi piroclastici intercalati alle successioni continentali del Pleistocene superiore-Olocene della porzione nord-orientale della piana Campana

640 download

Collocazione:
Il Quaternario Italian Journal of Quaternary Sciences, 16(2), 2003, 279-287
Autore/i:
Francesca BELLUCCI, Nicoletta SANTANGELO & Antonio SANTO
Abstract:

In questa nota vengono segnalati nuovi affioramenti di depositi piroclastici da caduta e da flusso rinvenuti lungo il margine nord-orientaledella Piana Campana ed intercalati a formazioni clastiche tardo quaternarie. I dati raccolti si riferiscono a depositi vulcanoclastici rinvenutisia al letto che al tetto della formazione dell’ “Ignimbrite Campana” (IC) e da essa chiaramente separati e distinti per la presenzadi paleosuoli, depositi fluviali e/o di superfici di erosione.In particolare sono stati riconosciuti due importanti eventi eruttivi pre-IC: il più antico è costituito da livelli di pomici da caduta clinostratificate al piede dei versanti carbonatici e caratterizzati da pomici bianco-grigiastre con diametro medio di 0,5 cm e spessore di circa 50cm. Su questi livelli da caduta poggia, con chiaro contatto erosionale, un pumice flow di colore giallastro che presenta spessori variabiletra i 2 e 6 metri. Gli affioramenti più significativi sono localizzati nei dintorni di Maddaloni e di Durazzano ed in entrambe le località, il pumice flow giallastro è ricoperto dalla formazione dell’I C.In aree più interne rispetto alla Piana Campana, precisamente nella zona di Solopaca, sono stati rilevati altri limitati affioramenti di piroclastiti antiche, costituite da alcuni metri di cineriti e pomici grigio nerastre molto alterate e fortemente cementate su cui poggiano depositi di conoide terrazzati, ricoperti lateralmente dai depositi dell’ IC.Al tetto dell’IC, e da essa separato per la presenza di un paleosuolo o di depositi fluviali interposti, abbiamo rinvenuto in tutta l’area investigata un altro livello piroclastico da caduta caratterizzato dalla alternanza di cineriti bianche stratificate e livelli pomicei biancastri con spessore totale variabile tra i 50 cm ed i 200 cm. I dati stratigrafici raccolti, oltre a fornire preziose informazioni sull’attività eruttiva tardo pleistocenica dell’ area della piana campana, potranno in futuro contribuire a identificare nuovi livelli marker per la stratigrafia dei depositi tardo quaternari del margine tirrenico campano.

The main aim of this paper is to signal some new outcrops of pyroclastic deposits along the northern rim of the Campanian plain, (provinceof Caserta); the study refers particularly to pyroclastic successions located both at the base and at the bottom of the “IgnimbriteCampana” (IC), the most widespread volcanic formation in the area.The oldest deposits in the area have been found near the Solopaca village, at the northern sector of the studied area; they are madeup by alternating black and grey pumiceous levels some meters thick, and are covered by poligenic conglomerates of alluvial fan that can be chronologically ascribed to the end of middle Pleistocene. In the surroundings of Maddaloni and Durazzano however, the deposits standing below the IC formation are characterized by the presence of two distinct pyroclastic units. The oldest one is representedby a pyroclastic fall deposit, at least 50 cm thick, included within slope or alluvial fan deposits. The youngest is made up by a yellow pumices flow with a thickness variable between 2 and 10 m, which always covers with erosional contact, the above described slope oralluvial fan deposits.At the top of IC formation another important pyroclastic level has been found all over the studied area. It is made up by white layeredash fall deposits covered by a massive, yellowish pumiceous level and its total thickness range is from 0,5 to 1 meter.All these new outcrops have been sampled for sedimentological, chemical and petrographical analysis that are still in progress, inorder to identify their origin and to better define their chronological and stratigraphical position within the complex volcanic history of the Campania Plain.

Abstract (PDF)

SCImago Journal & Country Rank