iten

Rock glacier relitti e antica distribuzione del permafrost nel gruppo Adamello Presanella (Alpi centrali)

692 download

Collocazione:
Il Quaternario Italian Journal of Quaternary Sciences, 23(1), 137-144
Autore/i:
Roberto SEPPI, Alberto CARTON & Carlo BARONI
Abstract:

L’antica e l’attuale quota del limite inferiore del permafrost nel Gruppo Adamello Presanella (Alpi Centrali) sono state definite utilizzandoun catasto dei rock glacier. Il catasto, basato sull’esame di fotografie aeree e su rilievi di terreno, documenta la presenza di untotale di 216 rock glacier, 128 dei quali sono stati classificati come relitti. Le forme relitte hanno un corpo appiattito, una scarpata frontalepoco ripida e sono caratterizzate dalla presenza di numerose cavità. Nella maggior parte dei casi la superficie è coperta da unadensa vegetazione e la loro fronte raggiunge l’attuale limite superiore degli alberi. La distribuzione delle forme attive/inattive consentedi stimare un limite inferiore del permafrost attualmente collocato a circa 2500 m s.l.m., una quota 430 m più elevata di quella suggeritadalle forme relitte. Nell’area studiata non esistono stime dell’età delle forme relitte basate su datazioni cronologiche, tuttavia è statopossibile confrontare la distribuzione dei rock glacier relitti con l’estensione dei ghiacciai durante il Tardoglaciale, utilizzando una cartografiaottenuta dalla distribuzione delle morene. Il confronto consente di stimare un’età posteriore allo stadio di Gschnitz per la maggiorparte dei rock glacier relitti (87 su 128). Poiché, a scala regionale, il limite inferiore del permafrost discontinuo è collocato ad unaquota che corrisponde con l’isotema media annua dell’aria di –1/–2°C, la differenza di temperatura media annua che corrisponde alladifferenza di quota della fronte tra rock glacier attivi/inattivi e relitti può essere stimata utilizzando il gradiente medio di temperaturadell’aria calcolato per questo gruppo montuoso, pari a 0,59°C/100 m. La differenza di quota delle fronti dei rock glacier coincide conuna differenza di temperatura media annua di circa 2,5°C e varia da circa 2,4°C sui versanti esposti a N a circa 2,7°C su quelli espostia sud. Questi dati forniscono una stima della differenza di temperatura media annua dell’aria intercorsa tra il Tardoglaciale (quando irock glacier attualmente relitti erano attivi) e il presente.

The current and the past lower limit of permafrost has been estimated in the Adamello Presanella Group (Central Alps, Italy) using arock glacier inventory. The inventory was based on aerial photographs analyses and field surveys. In the inventory, a total of 216 rockglaciers have been reported and described, and 128 of these are regarded as relict landforms. These rock glaciers have a flat morphology,a gently sloping frontal scarp and a surface characterized by several cavities. In most cases their surface is covered by densevegetation, and often their front reach the present tree line. The distribution of active/inactive landforms allows to estimate a lower limitof discontinuous permafrost presently located at about 2500 m a.s.l., an altitude 430 m higher than that suggested by the relictlandforms. No chronological data exist in this region about the age of the relict rock glaciers. Nevertheless, a visual comparison withthe Late Glacial extent of glaciers, as provided by a map obtained from the moraines geometry, allows to estimate an age no older thanthe Late Glacial Gschnitz stage for the most of them (87 on 128). Since the lower boundary of discontinuous permafrost is located atan altitude corresponding with the MAAT (Mean Annual Air Temperature) of -1/-2°C, the difference in MAAT that coincides with thedifference in elevation between the fronts of active/inactive and relict rock glaciers can be estimated using the vertical temperaturelapse rate calculated for this mountain group (0.59°C/100 m). The altitudinal difference between the fronts of active/inactive and relictrock glaciers coincides with a difference of about 2.5°C in the MAAT. This difference reduces to about 2.4°C on northern slopes andincreases to about 2.7°C on southern slopes. This data gave us an estimate of the MAAT difference between the Late Glacial (whenthe presently relict rock glaciers were active) and the present day.

Abstract (PDF)

Copyright © 2010 AIQUA – Associazione Italiana per lo Studio del Quaternario

SEDE LEGALE c/o Museo di Storia Naturale – Via Giorgio La Pira, 4 - 50121 FIRENZE - C.F. 01996010235 Pec: aiqua@pec.it
PRESIDENZA: Dr. Giovanni Monegato, giovanni.monegato@igg.cnr.it c/o Istituto di Geoscienze e Georisorse, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Via Gradenigo 6, 35131 Padova - Tel. 0498274177
SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: Patrizia Ferretti, Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica,
c/o Universita' Ca' Foscari Venezia, Via Torino 155, Mestre, Venezia I-30172, Italy Tel: +39 041 2348579  e-mail: segreteriaaiqua@gmail.compatrizia.ferretti@unive.it
SEGRETERIA AMMINISTRATIVA: c/o MV Congressi Spa, Via Marchesi 26 D - 43126 PARMA – Tel. 0521 290191 Fax 0521 291314 email  aiqua@mvcongressi.it

SCImago Journal & Country Rank