The Foglia River alluvial system (northern Marche) and its relation to the late Quaternary evolution of the central Adriatic shelf

235 download

Collocazione:
Il Quaternario Italian Journal of Quaternary Sciences, 16(1), 2003, 35-42
Autore/i:
Daniela MENCUCCI, Paolo COLANTONI & Olivia NESCI
Abstract:

The late Quaternary evolution of the mid-adriatic continental shelf and the river Foglia (Northern Marche) related sediments have been chosen as an example for a tentative correlation between marine and continental sequences.The stratigraphic setting of the late Quaternary deposits of the Adriatic shelf has been defined by many Authors and is characterized bya low system tract, present inside the mid-adriatic depression, followed by the transgressive and highstand system tracts formed by thepost-glacial sea-level rise.Taking into account data from numerous available boreholes, a longitudinal section of the Foglia river alluvial plain has been definedthat shows four depositional units. These units, supported by radiocarbon ages, correlate with the recognized marine system tracts (I –II = LST; III = TST; IV = HST).

Il sistema alluvionale del Fiume Foglia in relazione con l’evoluzione della piattaforma continentale dell’Adriatico centrale.L’evoluzione pleistocenico-olocenica della piattaforma continentale del medio-adriatico e gli eventi deposizionali che caratterizzano la piana alluvionale del fiume Foglia (Marche settentrionali) sono stati esaminati per tentare di correlare le successioni deposizionali marine e quelle alluvionali. La sequenza regressiva-trasgressiva pliocenico-olocenica che caratterizza la piattaforma continentale, è stata ampiamente illustrata da diversi Autori che hanno evidenziato che durante l’ultimo glaciale la linea di riva in Adriatico era localizzata circa al traverso di San Benedetto – Pescara. Di conseguenza i depositi marini di mare basso (LST) erano limitati alla depressione meso-adriatica, mentre un’ampia pianura fluvio-palustre occupava l’attuale piattaforma.La successiva trasgressione dovuta all’innalzamento eustatico, depositò sulla piattaforma i materiali che caratterizzano la variazionedel livello marino (TST e HST). Utilizzando diverse perforazioni eseguite soprattutto dalle amministrazioni pubbliche, è stata costruita una sezione longitudinale dei depositi alluvionali del fiume Foglia che ha evidenziato la presenza di almeno quattro unità deposizionaliche, alla luce di alcune datazioni radiometriche, si correlano con la sequenza marina. In particolare, l’unità I e II sono riferibili al lowstand system tract (LST), l’unità III con il transgressive system tract (TST) e la quarta con l’high stand system tract (HST).

Abstract (PDF)